Mira: «Mi sento nel pieno della maturità»

Miralem Pjanic

Il centrocampista bianconero: «Sto bene, mi diverto e lavoro per essere tra i migliori al mondo; la squadra sta facendo bene, ma dobbiamo continuare a migliorare e aumentare il distacco con le altre»

Ieri è arrivato un altro gol fondamentale, decisivo per la vittoria con il Bologna, dopo quelli segnati con il Brescia e con la SPAL: un ulteriore prova di un periodo di forma stratosferico per Miralem Pjanic.

Il centrocampista bosniaco ha raccontato, ai microfoni di Sky, il proprio momento e quello della squadra, in vista dell’insidiosa sfida di Champions League con la Lokomotiv Mosca.

«Mi sento bene, in fiducia e nel pieno della maturità – commenta Miralem -. Mi sento completo e sto lavorando per essere tra i migliori al mondo. La squadra riesce a esprimersi bene sul campo e io mi diverto molto. I gol fanno sempre piacere, ma fa ancora più piacer essere primi nel gruppo di Champions e in campionato. Dobbiamo continuare così e magari aumentare il distacco con gli altri».

Per continuare a mantenere la vetta del girone, martedì servirà una partita di livello contro la Lokomotiv: «Sarà una gara complicata, contro una squadra in forma, e in Champions non bisogna mai sottovalutare nessuno. Loro – aggiunge il numero 5 bianconero – hanno già dimostrato di essere una squadra molto difficile da affrontare sia con l’Atletico che con il Bayer Leverkusen. E’ una partita che dovremo aggredire sin dai primi minuti e cercare di mettere sui nostri binari».

Miralem dopo il gol contro il Bologna

Proprio dal pressing passa una delle chiavi del gioco di Maurizio Sarri: «Il mister – spiega Miralem – ci chiede di pressare il più possibile, in modo da poter creare il maggior numero di occasioni da gol. Pian piano stiamo riuscendo a esprimere le sue idee sempre meglio. Questa squadra si diverte e diventerà ancora più forte col passare del tempo».

Infine, un pensiero su Buffon, autore ieri sera di una parata decisiva all’ultimo minuto: «La presenza di Gigi è importantissima. Ringraziamo sempre di avere un leader assoluto come lui, nello spogliatoio e in campo. E’ il numero uno di tutti i tempi nel suo ruolo».

fonte: Juventus.com

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: