Match Report, Juventus – Parma

Cristiano Ronaldo esulta dopo il gol

La Juventus approfitta del pareggio pomeridiano dell’Inter sul campo del Lecce e battendo il Parma per 2 a 1 si porta a più 4 in campionato.

Mister Sarri non apporta variazioni alla formazione iniziale rispetto alla partita precedente contro la Roma.

Al contrario di quanto avvenuto sugli altri campi prima del calcio d’inizio toccante minuto di silenzio per Pietro Anastasi, morto di Sla a 71 anni. I tifosi della Juve hanno tributato all’ex centravanti bianconero e della nazionale un lungo applauso, mentre sullo schermo dell’Allianz Stadium venivano mostrate le immagini più belle della sua carriera. La Juve ha giocato con il Parma con il lutto al braccio.

E’ la Juve, come da previsioni, a tenere il pallino del gioco, ma i bianconeri non riescono a trovare spazi, al 20’ già la prima sostituzione, Alex Sandro non ce la fa, al suo posto entra Danilo e solo al 24′ arriva il primo tiro, Sepe è bravo a respingere su Ronaldo. Il vantaggio arriva al minuto 43 Bonucci lavora un buon pallone sulla trequarti, Dybala appoggia su Matuidi che riesce ad allargare verso Ronaldo, il portoghese rientra evitando un avversario e tira, la deviazione di Darmian è fortuita ma mette fuori tempo Sepe, così la palla si insacca in rete. Nel recupero pericoloso Ramsey, la conclusione del gallese da buona posizione si perde ad un soffio dal palo.

Nella ripresa la Juve parte subito forte, Dybala con uno splendido colpo di tacco smarca al limite dell’area Danilo, la sua conclusione è deviata sul palo da Sepe, ma è il Parma al minuto 55 ha trovare grazie ad un colpo di testa di Cornelius su calcio d’angolo il gol del pari, che però dura solo tre minuti, infatti al 58’ Dybala consegna un assist delizioso per Ronaldo che insacca alla destra di Sepe.

Nonostante gli ingressi in campo di Higuain prima e Costa poi la Juve non riesce a creare occasioni limpide per chiudere la partita e quindi si espone al forcing finale del Parma, Kurtic si fa stoppare da Szczezny, poi de Ligt ferma una conclusione pericolosa di Sprocati ben imbeccato dal neoacquisto bianconero Kulusevsky, ma la partita finisce e la Juve porta a casa tre punti molto importanti.

Partita che segna sotto il punto di vista del gioco un passo indietro rispetto alle ultime uscite, ma l’atteggiamento della squadra avversaria non ha aiutato in tal senso essendo totalmente schierata con 11 giocatori sotto la palla e il non aver chiuso la partita ha portato all’inevitabile forcing della squadra emiliana nel finale di partita alla ricerca del gol del pari, nota molto positiva la partita di de Ligt che sul centrodestra offre una prestazione eccellente, bene anche Rabiot che nonostante giochi in un ruolo che non predilige continua il suo percorso di crescita.

In conclusione alcuni numeri su Cristiano Ronaldo

Ha segnato in 7 presenze consecutive di Serie A: l’ultimo giocatore della Juventus a riuscirci fu David Trezeguet nel dicembre 2005 (9 in quel caso)

È l’unico giocatore ad aver segnato SEMPRE almeno 15 gol in uno dei cinque maggiori campionati europei dal 2006/07 ad oggi: 14 stagioni di fila (414 gol in totale in questo periodo).

Ha segnato 16 gol nelle prime 20 giornate di questo campionato: l’ultimo giocatore della Juventus a riuscirci fu Omar Sivori nel 1960.

Queste le parole di Mister Sarri in conferenza post partita:

Più quattro significa qualcosa?

“L’ultima cosa di cui ho voglia è di sentire campionato chiuso o riaperto ogni domenica. L’importanza è tutta nella gara da vincere, abbiamo fatto una partita più sporca rispetto alle ultime, potevamo chiuderla dopo il 2-1. Ho mandato un segnale alla squadra inserendo Higuain perché questa è una squadra con la quale potevamo soffrire sul finale. E infatti nei minuti finali abbiamo avuto un po’ di sofferenza, sotto questo aspetto siamo cresciuti rispetto ai mesi scorsi”.

A volte si ha la sensazione che la Juve aspetti il suo momento….

“Credo sia una questione di mentalità. Le partite che aggredisci sono quelle in cui alla fine spendi meno, quindi penso che se si riesce ad avere un predominio sulla partita la fatica è minore. Poi ci sono squadre che possono crearti qualche problema ma per mentalità preferisco una squadra che preferisce tenere la palla nella loro metà campo e non come facciamo noi a volte palleggiamo a ridosso della nostra trequarti e invece dovremmo uscire velocemente dalla metà campo e aggredire quella avversaria”.

Questo periodo ha corretto qualcosa a Ronaldo perché possa fare più goal?

“Credo sia un fatto di condizione fisica a mentale. E’ riuscito a curare un problema e ha ritrovato condizione fisica. Essendo un animale che si nutre di goal questo lo ha messo ancora più in condizione per fare questi numeri fuori dalla norma”.

Come si spiega la doppia sconfitta con la Lazio?

“Abbiamo sbagliato una partita e mezza. Noi siamo in grado di contrastare qualsiasi avversaria. Anche a Roma nel primo tempo avevamo fatto bene”.

Mancano ancora le reti dei centrocampisti? Rabiot sta giocando con continuità….

“Per Rabiot è una caratteristica che deve migliorare, anche nel campionato francese era segnava tantissimo. E’ un giocatore fisico che ha resistenza e qualità tecnica, sta salendo di rendimento. Qualcosa da migliorare ce l’ha”.

Alex Sandro come sta?

“In questo momento non lo so. Dopo qualche minuto ha detto che aveva dolore e non poteva farcela, non ho visto i dottori”.

Dybala anche oggi sembra arrabbiato del cambio?

“Pazienza. Io vado a letto e dormo. A volte uno è arrabbiato perché ha sbagliato l’ultimo pallone, voi ci costruire una telenovela. Gli fai una bella parte da padre, ma poi resta tuo figlio”.

Come giudica che stanno giocando dopo un periodo di meno impiego?

“Rabiot nelle ultime otto partite ne ha fatte sette da titolare. Danilo doveva inserirsi in un contesto nuovo, De Ligt ha speso tantissime energie in pochi mesi per imparare la lingua e entrare in una nuova cultura. Ed è stato complice nel suo rallentamento anche l’acciacco che ha avuto. Adesso ha ripreso quella crescita che stava facendo all’inizio”.

LE PAGELLE DI JUVANDME:

Szczesny 6.5
Cuadrado 6
De Ligt 7.5
Bonucci 6
Danilo 6.5
Sandro s.v.
Pjanic 5.5
Matuidi 6
Rabiot 6.5
Dybala 6.5
Ramsey 6
Ronaldo 7.5
Costa s.v.
Higuain 6

Di Emilio D’Eugenio

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: