Juve – Brescia, l’Analisi Tattica di GaeThanos

Immagine di Copertina Analisi Tattica

La gara di Domenica ha fornito alcuni spunti interessanti in quanto, possiamo presumere che il modulo che verrà maggiormente impiegato per il resto della stagione sarà il 4-3-3.
Nelle ultime partite infatti, il mister ha completamente abbandonato il trequartista sia perché è un ruolo che nessun giocatore attualmente in rosa può ricoprire con profitto ma anche perché la squadra ha manifestato problemi di adattamento a questo modulo ed il cambiare spesso e volentieri interpreti e disposizioni tattiche, non è più una strada percorribile.
A conferma di ciò abbiamo visto che Sarri, per sostituire Douglas Costa, ha provato Aaron Ramsey, spostando il centrocampista gallese nettamente più avanti.

Un aspetto importante è legato al rendimento di alcuni giocatori che per motivi diversi fin qui, non hanno certamente entusiasmato, è questo il caso di Federico Bernardeschi che forse a causa di una personalità non esattamente forte, ha faticato a trovare spazio. Douglas Costa, vero e proprio spacca partite, continua a non avere continuità dal punto di vista fisico in quanto è alle prese con l’ennesimo infortunio muscolare di questa stagione che ne limita il rendimento e fa sorgere più di una perplessità sull’opportunità di puntare ancora sull’attaccante brasiliano.

Provando ad analizzare più nel dettaglio la disposizione tattica vista contro il Brescia, possiamo vedere come il 4-3-3 proposto da Sarri sia abbastanza atipico e mutevole nei movimenti.
In particolare, nonostante la posizione ricoperta da Gonzalo Higuain schierato come punta centrale, Dybala e Cuadrado si sono mossi molto adattandosi ai movimenti l’uno dell’altro, in particolare il centrocampista colombiano è andato stabilmente a coprire la zona di campo lasciata libera dal numero 10 bianconero a cui l’allenatore ha lasciato enorme libertà di movimento. Se torniamo per un attimo alla trasferta di Verona in occasione della traversa colpita da Douglas costa, possiamo notare come Cristiano Ronaldo e Gonzalo Higuain si fossero posizionati sugli esterni lasciando spazio al brasiliano.

Un altro aspetto molto importante emerso nella gara contro il Brescia è legato al pressing, in particolare riguardo ad alcune notizie che sono uscite su di un richiamo di preparazione molto pesante fatto da Sarri che ha appesantito di molto le gambe dei bianconeri, si spiegano in tal senso, le prestazioni opache dell’ultimo periodo anche se la controprova sull’efficacia del lavoro atletico fatto dalla Juventus, la potremo avere solo nelle prossime partite.

Sulla fase difensiva, poco da dire in quanto il Brescia, una volta rimasto in inferiorità numerica, ha costituito un banco di prova pressoché nullo. Interessante però notare come ad inizio partita, la Juventus abbia manifestato ancora la tendenza ad abbassare troppo la sua linea difensiva creando una spaccatura tra difesa e centrocampo.

Un altro aspetto emerso nella gara di domenica, così come nella trasferta a Verona, è stato il costante inserimento delle mezz’ali, Ronaldo prima ed Higuain poi, hanno potuto beneficiare della presenza di uno dei centrocampisti in area di rigore anche se a causa dei sopra citati carichi di lavoro, la brillantezza non può essere ancora ad alti livelli. in particolare, emblematica la prestazione di Aaron Ramsey che è stato molto efficace in fase di intercetto ma meno positivo per quanto riguarda i palloni giocati.

Trascrizione a cura di
Stefano De Ponte


Se non volete perdere le nostre LIVE REACTIONS e l’Analisi Tattica di Gaethanos, iscrivetevi al nostro CANALE YouTube e attivate la campanella per essere sempre aggiornati sulle novità di Juv&Me

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: