Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

CAGLIARI – JUVENTUS 1-2 | I COMMENTI DEI PROTAGNISTI

Aprile 9

CAGLIARI – JUVENTUS 1-2 | I COMMENTI DEI PROTAGNISTI

Una rimonta che proietta la Juventus ancora di più verso la qualificazione alla prossima champions league, condizionata ancora da errori del var che purtroppo passeranno ancora in cavalleria da parte di tantissimi addetti ai lavori. Non era semplice, sopratutto per come si era messa la partita, ma grazie allo spirito di gruppo e alle giocate di De Ligt e Vlahovic,
la Juventus porta a casa tre punti fondamentali per il cammino verso un finale di stagione tutto da decifrare. Queste le dichiarazioni dei protagonisti dal sito ufficiale Juventus.com.

Massimiliano Allegri

«Il Cagliari è una squadra difficile da battere in casa, ha qualità e ha le possibilità di salvarsi. La vittoria di oggi è importante per consolidare il quarto posto, perdere ci avrebbe messi in allarme. Il contraccolpo psicologico dopo l’Inter non è stato da poco, ma i ragazzi oggi sono stati molto bravi a non scomporsi, a concedere poco e a vincere meritatamente. All’inizio non trovavamo le giuste misure, poi la partita è scivolata bene e siamo cresciuti, per poi difenderci in modo ordinato negli ultimi minuti».

Matthjis de Ligt

«Oggi abbiamo sofferto un po’, soprattutto perché siamo passati in svantaggio. Poi, però, siamo stati bravi a reagire e abbiamo portato a casa tre punti molto preziosi. Sicuramente il mio gol alla fine del primo tempo è stato importante e ci ha dato la giusta spinta per ripartire con determinazione nella ripresa trovando la vittoria con una grande rete di Dusan. Quella di questa sera è stata una bella vittoria di squadra»

Luca Pellegrini

«Siamo riusciti a capovolgere il risultato, pazienza per il mio gol non convalidato, va bene così. Da inizio anno tutti quanti lavoriamo per migliorarci, sono felice di trovare continuità e contribuire come sto facendo in quest’ultimo periodo. Mi sento più maturo, ed è normale, giocare per la Juventus è qualcosa che ti fa stare quotidianamente a contatto con tanti campioni e la crescita è esponenziale. Era giusto trovare continuità anche fuori di qua, ma giocare in squadre come la Juve è il sogno di tutti. Qui la testa va molto più veloce»