Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

JUVENTUS – ATALANTA 0-1 | MATCH REPORT

28 Novembre 2021

JUVENTUS – ATALANTA 0-1 | MATCH REPORT

Così non va. Troppo timidi, troppo molli e distratti contro un’Atalanta non irresistibile. Questa Juventus sta facendo diventare scettico anche il tifoso più ottimista. La pazienza sta per finire.
Guardiamo avanti perché è l’unica cosa che ci resta da fare. Analizziamo il report del match dal sito ufficiale juventus.com.

La cosiddetta “fase di studio” dura almeno un quarto d’ora: l’Atalanta cerca di guadagnare campo con il palleggio più che con l’intensità, mentre la Juve prova a sfruttare la velocità di Cuadrado e Chiesa per ripartire, ma nessuna delle due tattiche produce occasioni interessanti. Così provano a ravvivare la gara Malinovskyi e Dybala, il primo con un tiro da fuori area mandato alle stelle, il secondo con una serpentina e un rasoterra bloccato da Musso. Il contropiede giusto per i bianconeri sembra arrivare al 20′, quando McKennie lancia in campo aperto Chiesa che, dopo un ottimo controllo si presenta in area davanti a Musso, ma viene chiuso dal recupero di Toloi al momento di concludere. Quello buono capita invece all’Atalanta poco prima della mezz’ora, quando Djimsiti intercetta a metà campo un tocco di Morata e di prima intenzione lancia Zapata che, appena entrato in area, piazza il destro sotto la traversa firmando il vantaggio dei bergamaschi.
La Juve reagisce alzando il ritmo e la qualità del palleggio e riesce a schiacciare gli ospiti nella propria area per lunghi tratti. McKennie piazza il pallone sulla mattonella di Dybala, che cerca il suo classico sinistro liftato, colpendo male e mettendo a lato.

Allegri inizia la ripresa con Bernardeschi al posto di Chiesa, ma all’inizio la Juve fatica ad impostare il gioco, per via di troppi errori tecnici o per un eccesso di iniziative personali. Per mettere apprensione all’Atalanta si deve aspettare il quarto d’ora, quando McKennie va in fuga e, dopo il recupero della difesa, il pallone finisce sul sinistro di Dybala che sfiora la traversa da posizione angolata. L’azione sembra rinvigorire i bianconeri e dopo l’ingresso di Kean al posto di McKennie, Rabiot sfiora il palo con un rasoterra dal limite. I bianconeri provano a imporre il proprio ritmo all’incontro, ma gli ospiti riescono a spezzarlo con il gioco duro qualche malizia. E quando nei minuti di recupero Dybala calcia una punizione dal limite, insiem al pallone vanno a sbattere sulla traversa anche le ultime speranze dei bianconeri di raddrizzare il punteggio.