Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

JUVENTUS – BOLOGNA 1-1 | MATCH REPORT

Aprile 16

JUVENTUS – BOLOGNA 1-1 | MATCH REPORT

Un punto guadagnato negli ultimissimi minuti di recupero contro un Bologna ben messo in campo, che non cancella la brutta prestazione dei bianconeri. Servivano tre punti per continuare a rincorrere la qualificazione alla Champions League del prossimo anno, ma il rischio di perdere questa partita è stato alto, dopo gran parte del match giocato non all’altezza della situazione.
Questo il report del match dal sito ufficiale, juventus.com.

È una Juve a trazione anteriore quella proposta da Mister Allegri: in campo il tridente, Dybala, Morata, Vlahovic. Si parte forte e dopo 4 minuti Dybala prende la mira, ma il suo sinistro da fuori area è alto di poco. Passano pochi giri di lancette e Vlahovic ha sulla testa una gran palla messa da Morata, salta più in alto di tutti ma non inquadra lo specchio.
Non è nello specchio nemmeno la bella punizione con cui, al 14′, ancora la Joya sfiora il sette col mancino dal limite: Skorupski dà l’impressione di essere sulla traiettoria, comunque molto vicina alla porta.
Minuto dopo minuto, però, il Bologna prende le misure e verso la mezz’ora Svanberg si rende pericoloso calciando dal limite, servito da Orsolini: Szczesny c’è.
La Juve risponde subito, lo squillo arriva al 37′ con Danilo che ci prova, sempre da fuori area: il tiro non finisce lontano dallo specchio. Il Bologna è venuto a Torino con la stessa quantità e qualità di gioco fatta vedere col Milan 12 giorni fa, e di spazi la Juve ne trova pochi: il primo tempo si chiude dunque senza ulteriori sussulti, a reti inviolate.

La storia non cambia nella ripresa e anzi, dopo due minuti dal rientro in campo Arnautovic fa correre un brivido freddo all’Allianz Stadium, girandosi all’altezza del dischetto e non trovando la porta bianconera di niente. La risposta Juve è due giri di lancette dopo, con Rabiot che potrebbe ribadire in porta una palla non trovata da Morata su cross di Pellegrini, ma ancora una volta il tiro è fuori. Al 51′, il break degli ospiti: gran palla di Soriano a tagliare la difesa bianconera e a trovare l’incursione ancora di Arnautovic, che supera Szczesny in uscita e porta in vantaggio i suoi.

Reagisce subito la Juve: De Sciglio al 54′ fa volare Skorupski a deviare il suo destro in calcio d’angolo, sulla cui battuta Danilo di testa trova un palo clamoroso. Adesso i bianconeri, oggi con l’inedito quarto kit firmato dallo Street Artist brasiliano Kobra, si riversano letteralmente nella metà campo del Bologna. Questa fiammata dura però pochi minuti e gradualmente i giri si abbassano: la squadra di Allegri fatica molto a trovare non solo la via della porta bolognese, ma anche ad accelerare i giri quel tanto che servirebbe per chiudere nella loro tre quarti gli ospiti, che invece per lunghi tratti, nella ripresa, gestiscono. All’80, ecco la fiammata Juve: Morata si invola verso l’area e viene atterrato, sulla continuazione dell’azione, Cuadrado scheggia la traversa. Non è rigore, non concesso dopo consulto del VAR, ma il Bologna in questa occasione resta in 9, per la doppia espulsione di Soumaoro e Medel. Viene concessa una punizione dal limite per i bianconeri, che Vlahovic calcia alta di poco.

Il forcing finale della Juve dura per tutti i minuti di recupero concessi dopo il lungo episodio dell’80’: in 11 contro 9 la Juve dà il tutto per tutto e raggiunge finalmente il pareggio con Vlahovic che sfrutta una percussione offensiva di Morata e ribadisce in porta da pochi passi. Non è finita, ci sono ancora pochi istanti di gioco: al 97′ Rabiot di testa chiama alla parata Skorupski. Questo è l’ultimo sussulto del match: arriva solo un punto per i bianconeri, che non riescono ancora a blindare la zona Champions.