Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

JUVENTUS – CAGLIARI 2-0 | MATCH REPORT

22 Dicembre 2021

JUVENTUS – CAGLIARI | MATCH REPORT

Tre punti fondamentali per il nostro cammino, tre punti che smuovono la classifica per la corsa alla qualificazione in Champions League grazie al passo falso dell’Atalanta a Genova. Sono tanti gli aspetti da migliorare in questa squadra, sopratutto la tenuta mentale che anche oggi ha visto cali di concentrazione per un quarto d’ora, come a Salerno e Venezia. Bisogna ripartire da questa partita aspettando tutti i calciatori, oggi fuori per infortunio che dal 30 Dicembre si alleneranno in gruppo e si spera anche da un mercato che oggi sembra molto misterioso. Questo il report dal sito ufficiale bianconero del match vinto contro i sardi per 2-0.

I bianconeri partono forte, il doppio colpo di testa deLigt-Kean mette i brividi alla difesa sarda nei primissimi minuti e poco dopo arriva un’occasione enorme: Cuadrado pennella dalla destra e Kean stacca con perfetta scelta di tempo e schiaccia a colpo sicuro, ma centra in pieno il palo. Il 4-5-1 disegnato da Mazzarri alza un muro che, più passa il tempo, più appare solido e riesce a limitare la manovra dei bianconeri, cui non riescono più le triangolazioni offensive di inizio gara. I cross però continuano a piovere in area e su quello pennellato da Bernardeschi arriva ancora Kean a colpire di testa e questa volta il pallone si infila nell’angolino per il più che meritato vantaggio.

Anche dopo l’intervallo la Juve va all’attacco e sfiora il raddoppio con il colpo di testa di Alex Sandro, imbeccato da Cuadrado. Il dinamismo di McKennie, in campo per Rabiot, e le accelerazioni di Kean e Morata tengono in costante apprensione gli ospiti, che sembrano meno compatti in difesa rispetto alla prima frazione di gara, ma sono anche più pericolosi: prima arrivano a sfiorare il palo con Dalbert, che angola troppo il destro da buona posizione, poi con Joao Pedro, il cui colpo di testa costringe Szczesny a un colpo di reni per alzare il pallone sopra la traversa.
Allegri richiama Kean e Arthur e inserisce Kulusevski e Locatelli ed è lo svedese a condurre una ripartenza sulla destra e a cambiare gioco per servire Bernardeschi che controlla e scarica un diagonale sinistro potente e preciso, sul quale Cragno non riesce a intervenire. L’azzurro esce tra gli applausi, gli stessi che il pubblico riserva a tutta la squadra dopo il fischio finale: il miglior modo possibile per salutare il 2021.