Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

JUVENTUS – FIORENTINA 1-0 | LE PAROLE DEL MISTER

6 Novembre 2021

JUVENTUS – FIORENTINA 1-0 | LE PAROLE DEL MISTER

Un Mister molto soddisfatto dopo la vittoria contro i gigliati ottenuta questa sera all’Allianz Stadium dalla Juventus.

Troppi i punti lasciati per strada ma molta gioia e convinzione di fare meglio dopo il match di stasera.

Un grande squadra che vuole arrivare al vertice deve anche passare da certe partite.

Serve crescere di volta in volta anche attraverso le difficoltà di questa stagione.

Ecco le parole dI max Allegri dal sito ufficiale bianconero.

“Sono contento della prestazione della squadra ma anche di Rugani, di Pellegrini.

Mentalmente abbiamo tenuto bene, questo ci deve rendere contenti per la vittoria di oggi ma arrabbiati per i punti persi.

Non dobbiamo dimenticare quanto abbiamo lasciato per strada.

Non ci manca una punta. Alvaro ha fatto una buona partita.

Il secondo tempo abbiamo creato di più, nel primo in 3/4 occasioni abbiamo sbagliato l’ultimo passaggio.

La vittoria ci dà morale ma non ci deve far abbassare il livello di attenzione.

Vincere non è semplice. La base per essere una squadra che punta al vertice è mettersi a disposizione, correre, oltre a giocare bene.

Bisogna essere disponibili.

I due centrali sono stati cattivi al punto giusto contro Vlahovic, abbiamo vinto tutti i contrasti.

Non bisogna dimenticarsi quello che abbiamo lasciato”.

“In Europa si giocano partite diverse.

La Juve ha lasciato punti per strada giocando buone partite.

Morata stasera ha creato situazioni.

Poteva far meglio sul cross di Danilo che doveva attaccare il primo palo.

McKennie gioca perché in questo momento sta meglio degli altri.

Bentancur sta ritrovando la gamba e la condizione che aveva prima.

Sia lui e sia Locatelli fanno fatica a fare la mezz’ala sinistra, si trovano meglio a destra.

Quando sono rimasti in 10 abbiamo sfruttato la superiorità numerica.

In questo momento abbiamo quattro dietro e riusciamo a sviluppare il gioco.

Poi tre in mezzo e in avanti che si arrangiano. Questo crea imprevedibilità.

Mercato? La rosa è ottima.

Tutti parlano di bel gioco, ma alla fine l’imbuto si stringe e si parla solo di vittoria”.