Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

JUVENTUS – VENEZIA 2-1 | I COMMENTI DEI PROTAGONISTI

Maggio 1

JUVENTUS – VENEZIA 2-1 | I COMMENTI DEI PROTAGONISTI

Questi i commenti dei protagonisti dopo la vittoria all’Allianz Stadium contro il Venezia che ha consegnato alla Juventus la qualificazione matematica alla prossima Champions League. Dal sito ufficiale Juventus.com.

Massimiliano Allegri

«In questo momento è importante vincere. Abbiamo fatto un buon inizio di gara, per una ventina di minuti, poi è uscito il Venezia, e il loro pareggio era nell’aria: abbiamo sbagliato uscite e passaggi semplici, dando loro forza di venire avanti, abbiamo pagato un po’ anche il caldo. Dopo l’uno a uno siamo stati bravi a rimetterla subito dalla nostra parte e non soffrire più. Miretti? Bravo, sa giocare a calcio, ha dimostrato la tranquillità di un veterano: è giovane, non diamogli pesi eccessivi. Sono molto contento per Leo, che ha esperienza, carisma, sa cercare la palla con cattiveria».
Leonardo Bonucci

«Il compleanno migliore possibile: inutile nascondere che quando indosso la fascia di capitano scatta qualcosa in più: cerco di essere da esempio, anche se questo va fatto sempre, non solo quando si indossa la fascia. Quest’anno sarebbero bastati pochi punti in più per lottare per lo Scudetto, ne prendiamo atto, per tornare a essere con le prime il prossimo anno. Miretti? Una grande prestazione per lui, ha giocato in verticale. Gli ho solo detto di giocare tranquillo, come in Under 19 e Under 23, e in caso avesse fatto un errore, guardare avanti perché tutti sbagliano»

Fabio Miretti

«Un orgoglio indescrivibile: ho avuto la fortuna di fare la trafila del settore giovanile, partecipare al progetto dell’Under 23 su cui il Club punta molto e oggi di essere qui, in uno stadio in cui ho sempre fatto il tifoso: bellissimo. Io sono un centrocampista offensivo, mezzala è il mio posto ideale ma posso ricoprire anche il ruolo di mediano, o di play davanti alla difesa. L’Under 23? Prepara bene al salto nella prima squadra, formando i giocatori in Serie C.»