Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

LAZIO – JUVENTUS | IL MISTER PRESENTA LA PARTITA

19 Novembre 2021 @ 15:00

LAZIO – JUVENTUS | IL MISTER PRESENTA LA PARTITA

Alla vigilia della ripresa del campionato, il mister fa il punto della situazione in vista del match di sabato pomeriggio all’olimpico dopo la sosta delle nazionali. Serve ripartire con lo spirito giusto cercando di non commettere gli errori del passato con la consapevolezza di non poter più lasciare punti per strada. Non sarà facile, sopratutto per la serie di partite importanti che ci attendono, ma è arrivato il momento di dimostrare il carattere e la personalità che ha sempre contraddistinto la Juventus.
Queste le parole del mister da sito ufficiale bianconero.

«I dati dicono che Lazio e Juventus negli ultimi dieci anni si sono divisi la maggior parte dei trofei in Italia. Sarà un bel match tra due squadre che stanno galleggiando ai margini del quarto posto, la partita è difficile. Fino a dicembre avremo tante gare di grande importanza».
«Per adesso ho visto solo i giocatori che sono tornati dalle qualificazioni europee, i sudamericani sono arrivati con un po’ di ritardo. Valuterò oggi le condizioni della squadra. Dybala proverà a fare allenamento, ha voglia di essere a disposizione ma devo ancora capire. Kean ha lavorato bene in questo periodo e domani sarà a disposizione. Ramsey ieri durante l’allenamento ha avuto un risentimento ad un flessore. De Sciglio? Sta proseguendo bene nel suo recupero, spero che dopo la gara contro il Chelsea si possa riaggregare alla squadra. Bernardeschi invece non sarà disponibile ancora per 15/20 giorni».
“Sarri disse che questa squadra è inallenabile? Maurizio qui a Torino ha vinto l’ultimo scudetto. Dovete domandarlo a lui, non l’ho detto io. Per me le squadre sono tutte allenabili, poi a seconda dei giocatori che hai, li devi allenare in un modo o in un altro. In due anni la squadra è cambiata perché sono cambiati tanti giocatori”. “Sarri resta un grande tecnico, lo confermano i risultati che ha ottenuto”.
“In questo momento qui bisogna solo fare e non pensare. Siamo indietro in classifica, le chiacchiere non servono assolutamente a niente. Dobbiamo solo pensare a fare per cercare piano piano di migliorare nella fase offensiva e difensiva, oltre che in classifica. Fortunatamente Col Chelsea ci giocheremo solo il primo posto perché siamo già qualificati”.
“Quello che rimane impresso a tutti sono le giocate dei singoli, l’allenatore deve mettere i giocatori che ha a disposizione nelle condizioni migliori percuoter giocare. Il calcio è bello perché è opinabile, si possono fare le chiacchiere ma poi alla fine tutto si riconduce ai risultati. Potrei stare qui a fare mille ragionamenti sulle partite con Empoli e Sassuolo ma poi abbiamo perso. La nazionale ha fatto un ottimo Europeo, prima dell’Europeo non veniva dato un euro all’Italia, poi ha vinto ed è diventata fortissima. Per un rigore sbagliato adesso è una settimana che li massacrano. Ci vuole equilibrio, ci sono imprevisti che vanno gestiti e io credo che alla fine andrà ai Mondiali”.