Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

MILAN – JUVENTUS 0-0 | MATCH REPORT

Gennaio 24

MILAN – JUVENTUS 0-0 | MATCH REPORT

Un brutto match giocato in uno stadio che presentava grossi problemi al manto erboso, dopo la scelta scellerata da parte della lega di far giocare le due squadre di Milano la stessa giornata di campionato in casa. Una Juventus poco incisiva in attacco ma con una grande grinta che elogia la fase difensiva rispetto a diversi mesi fa. Buona anche la prova del centrocampo in fase di contenimento ma serve sicuramente più incisività e precisione per cercare di portare a casa partite fondamentali come queste. Questo il match report dal sito ufficiale Bianconero juventus.com.

l ritmo è subito alto e se la Juve cerca di sfruttare le fasce, il Milan prova ad appoggiarsi a Ibrahimovic per sfruttare gli inserimenti dei centrocampisti. Cuadrado è presente in ogni azione ed è anche il più pericoloso tra i bianconeri, prima direttamente dalla bandierina, con una battuta carica di effetto che costringe Maignan a smanacciare, poi con un sinistro dal limite che termina a lato di poco. Nel Milan il più pimpante è Leao, che impegna Szczesny con un violento rasoterra dopo aver sfruttato la sponda del solito Ibrahimovic, costretto ad uscire poco prima della mezz’ora. Al posto dello svedese entra Giroud, ma i padroni di casa non cambiano atteggiamento e Calabria sfiora due volte l’incrocio dalla distanza. La Juve manovra bene, arrivando spesso nell’area rossonera, ma venendo fermata dalla difesa rossonera prima di trovare la conclusione. Non si vedono molte occasioni, ma la gara è molto piacevole e equilibrata, grazie all’intensità messa in campo da entrambe le squadre.

Morata prova a spezzare l’equilibrio in avvio di ripresa, incornando il traversone di De Sciglio, senza però trovare la porta. L’impressione è che le squadre ora facciano fatica a chiudere le linee e così i capovolgimenti di fronte sono più rapidi e frequenti e Theo Hernandez conduce una ripartenza palla al piede, conclusa con un diagonale sinistro che Szczesny blocca a terra. Allegri cambia al ventesimo, inserendo Arthur e Bernardeschi al posto di Locatelli e Cuadrado. Nel Milan Salemaekers e Bennacer, dentro per Diaz e Messias, regalano maggior freschezza alla manovra e Giroud arriva a colpire di testa da ottima posizione, trovando Szczesny ancora piazzato.
Allegri prova a dare maggior freschezza all’attacco cambiando Morata con Kean e Pioli risponde con Florenzi e Rebic al posto di Calabria e Leao. La stanchezza inizia a farsi sentire e il gioco è meno fluido e si cerca sopratutto di limitare i rischi. La Juve porta McKennie a deviare di testa il traversone di Alex Sandro e il colpo di testa termina a lato, quindi Allegri opera gli ultimi due cambi, quando inizia il tempo di recupero, ma gli ingressi di Rabiot e Kulusevski per Bentancur e Dybala non riescono incidere. Finisce con le reti inviolate e un pareggio non particolarmente utile per la classifica delle squadre, ma più che giusto per quanto visto in campo.