Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

VENEZIA – JUVENTUS 1-1 | MATCH REPORT

11 Dicembre 2021

VENEZIA – JUVENTUS 1-1 | MATCH REPORT

Una serata da dimenticare per la Juventus che si ferma a Venezia in una partita dalle due facce. Primo tempo con predominio territoriale molto sterile, con diverse occasioni da gol non concretizzate e secondo tempo anonimo dove è mancata la cattiveria agonistica che sarebbe servita per prendere i tre punti.
Momento di riflessione in casa Juve che sabato sarà impegnata a Bologna in un match fondamentale per la stagione.
Questa è il report del match dal sito ufficiale bianconero.

Dopo poco più di dieci minuti, nei quali a Juve prende campo soprattutto grazie ai frequenti cambi di gioco orchestrati da Locatelli, Dybala è costretto a fermarsi e a lasciare il posto a Kaio Jorge che, appena entrato, sfiora il gol deviando da pochi metri una sponda di de Ligt e mettendo alto di poco. Il Venezia, dopo qualche tentativo di palleggio iniziale, si rifugia nella propria metà campo, mentre i bianconeri sono costantemente in possesso di palla, alzano il pressing, portano al tiro dalla distanza Cuadrado, il cui destro sfiora il palo, e collezionano calci d’angolo.

I padroni di casa provano a farsi vedere in avanti con un tentativo di Henry fuori misura, mentre tra i bianconeri Morata è tra i più attivi e con i suoi spunti partendo dalla sinistra crea più di un problema alla difesa veneta. Quando poi si accentra, lo spagnolo è letale e sul perfetto traversone di Pellegrini, il suo tocco di esterno si infila tra Romero e il primo palo e vale il vantaggio. A un soffio dall’intervallo la Juve ha anche un’occasione d’oro per raddoppiare, perché il Venezia produce il massimo sforzo alla ricerca del pareggio e questo apre gli spazi per la ripartenza di Cuadrado, che arriva fino in area, ma angola troppo il rasoterra.

Così come aveva terminato il primo tempo, anche in avvio di ripresa la squadra di Zanetti tiene il baricentro più alto e il coraggio viene presto premiato dalla conclusione di Aramu, che calcia di prima intenzione il pallone servito al limite da Haps e indovina l’angolino alla destra di Szczesny.

La Juve lascia ancora l’iniziativa al Venezia e si salva solo grazie a un provvidenziale anticipo di Pellegrini, che toglie il pallone ad Henry prima che possa girarsi in area e ritrovarsi a tu per tu con Szczesny. I bianconeri vengono scossi dal nuovo pericolo corso e reagiscono, andando vicini al raddoppio, negato dalla prodezza di Romero che alza sopra la traversa il siluro di Bernardeschi, ma il Venezia prende subito e le misure e riduce i rischi al minimo, anche perché iniziano a vedersi troppi errori dettati dalla frenesia. Alla mezz’ora Allegri cambia Pellegrini, Bernardeschi e Kaio Jorge con Alex Sandro, Bentancur e Kean e la Juve assedia gli avversari, ma una volta arrivati a ridosso dell’area, i bianconeri si affidano troppo alle iniziative individuali, che la difesa veneta non ha difficoltà a interrompere. Negli ultimi minuti Allegri prova anche la carta Soulé, dentro per Locatelli, ma non è sufficiente. Ogni iniziativa viene respinta al mittente e la Juve lascia la laguna con un solo punto in tasca.