Nazionalità
esp Spagna
Posizione
Attaccante
Height
1,89
Weight
84
Squadra corrente
JUV

Niente è più bello che tornare a casa. Perché questo è l’arrivo di Álvaro Morata alla Juve: un ritorno a casa, dopo “solo” due stagioni alla Juve.

Álvaro è stato a Torino dal 2014 al 2016 e ha lasciato il segno. Con i suoi gol, 27, con la sua presenza costante nell’attacco bianconero, con il suo carattere e il suo temperamento di campione gentile. Gentile, ma determinato. E determinante: nel suo periodo alla Juventus – dal 2014/15 al 2015/16 – nessun giocatore bianconero ha preso parte a più gol di lui, considerando tutte le competizioni: 43 (27 reti e 16 assist), al pari di Paul Pogba.

I gol, però, non si contano soltanto, ma si pesano. E allora come non ricordare le sue zampate, in Champions League, nella grande cavalcata verso la Finale di Berlino (e segnò anche li, a coronamento di un filotto di gol in 5 partite di fila in Europa, prima di lui solo Del Piero), in Campionato, in Coppa Italia. Ecco: la sua ultima istantanea in bianconero è a Roma, il 21 maggio 2016: entra al minuto 108, segna al minuto 110, ed è il gol che ci fa alzare proprio la Coppa Italia, in Finale contro il Milan.

Poi sono stati quattro anni di lontananza, fra Londra e Madrid: proprio nella Liga Álvaro ha lasciato il suo graffio, eccome: dal suo arrivo all’Atletico Madrid (gennaio 2019) è stato il giocatore che ha segnato più gol per i Colchoneros nella Liga spagnola – 18 e quello che ha effettuato più tiri sia totali (99) che nello specchio (44).

Ma ora, Alvaro è tornato. E la storia ricomincia.